Gruppo EMMAUS

 

 

28. Dopo il secondo tempo, segue il tempo della preparazione immediata ai sacramenti della Cresima e dell’Eucaristia corrispondente:
a) Alla Quaresima del terzo anno (che più o meno dovrebbe corrispondere all’età nella quale i  ragazzi hanno 10/11 anni);
b) la Veglia Pasquale o una Domenica del tempo pasquale con la CELEBRAZIONE dei SACRAMENTI della Cresima e dell’Eucaristia.

29. L’ultima Quaresima
Nell’ultimo anno, all’inizio della Quaresima (I domenica), dopo un discernimento fatto dagli accompagnatori (parroco, catechisti, altri educatori…) con i genitori, i ragazzi e le ragazze vengono ammessi al rito di elezione o ammissione ai sacramenti. Dopo questa celebrazione comincia per i ragazzi e le ragazze il tempo di immediata e intensa preparazione spirituale per aprirsi al dono dell’amore di Dio nei sacramenti.
Pertanto sarà importante: suscitare il desiderio vivo di ricevere i sacramenti, introdurre alla scelta definitiva, conoscere i Vangeli delle domeniche di Quaresima dell’anno liturgico “A”, comprendere i simboli, i momenti più significativi della Veglia Pasquale e i sacramenti (con una catechesi specifica
sulla Cresima e perciò sullo Spirito Santo manifestato al Battesimo di Gesù, donato dal Risorto la sera di Pasqua ed effuso sulla Chiesa a Pentecoste; con una catechesi specifica sull’Eucaristia, “fonte e culmine” della vita cristiana24), rendere consapevoli della novità di vita che scaturisce dalla Pasqua.
Tra l’inizio e la prima metà della Quaresima, si celebrerà per la prima volta il sacramento del Perdono o della Penitenza o comunemente conosciuto come Confessione. In questo tempo è bene intensificare la preghiera in famiglia. Si consiglia un tempo adeguato per un ritiro spirituale.
È importante che i ragazzi siano coinvolti nell’esercizio della carità verso i poveri che la parrocchia assume anche secondo quanto la Diocesi ordinariamente, già da anni, propone per il tempo quaresimale. Nella Veglia Pasquale, culmine dell’anno liturgico o in una domenica nel tempo di Pasqua si celebrano i sacramenti della Cresima e dell’Eucaristia da parte del Vescovo secondo modalità, tempi e luoghi che saranno stabiliti dal Vescovo stesso all’inizio di ogni anno pastorale d’intesa con i parroci.
Nel tempo di Pasqua la Chiesa genera i cristiani, per questo i ragazzi e le ragazze già battezzati/e, riceveranno l’effusione dello Spirito Santo nel sacramento della Cresima e saranno ammessi, per la prima volta, all’Eucaristia grazie alla quale, nutriti del Corpo e del Sangue di Cristo, saranno resi partecipi del Mistero di morte e risurrezione di Gesù. Questo momento sarà centrale per i ragazzi nel loro cammino di Iniziazione cristiana, perché attraverso i sacramenti che riceveranno essi saranno “rivestiti di Cristo” (Gal 3, 27).